Bonus ristrutturazioni 2019: requisiti, spese e come richiederlo

Il 2019 è l’anno giusto per ristrutturare casa: per proprietari, conduttori, usufruttuari e altre categorie il Governo rinnova il bonus fiscale per i lavori di ristrutturazione avviati dal 1° gennaio 2019 fino al 31 dicembre 2019.

Come funziona il bonus fiscale ristrutturazione 2019? Come si può richiedere? E chi può usufruirne? Scopriamolo insieme: potrebbe essere l’occasione giusta per ristrutturare la tua nuova casa un po’ più a cuor leggero, o cogliere l’attimo per rendere il luogo in cui abiti da una vita ancora più simile a te.

Che cos’è e come funziona il Bonus Ristrutturazione 2019

Il Bonus 2019 consiste in una vera e propria detrazione IRPEF del 50% delle spese sostenute per interventi di ristrutturazione edilizia a partire dal 1° gennaio 2019 fino al 31 dicembre 2019.
Si tratta di una proroga di un’agevolazione fiscale già esistente che senza modifiche è stata approvata e che comprende oltre al Bonus Ristrutturazione anche il Bonus Mobili, che riguarda l’acquisto di arredi ed elettrodomestici in seguito a un’opera di ristrutturazione, e il Bonus Verde, per un sostegno fiscale al rinnovo di giardini privati e condominiali.

Entriamo nel dettaglio e vediamo come funziona nella pratica il Bonus Ristrutturazione, step by step:

  • chi è interessato a usufruire del bonus deve effettuare il pagamento delle spese con un bonifico parlante (che indichi causale e codice fiscale sia del beneficiario della detrazione che del beneficiario del pagamento) e conservare tutta la documentazione;
  • dopo aver ottenuto i documenti necessari, il contribuente può detrarre il 50% delle spese sostenute fino a un massimo di 96.000€ suddividendo l’importo della detrazione in 10 quote annuali di pari importo;
  • la prima quota detraibile è da dichiarare nella dichiarazione dei redditi l’anno successivo a quello delle spese: ad esempio se i lavori sono stati effettuati nel 2019, la prima quota deve essere fruita nella dichiarazione del 2020.

Rispetto agli anni precedenti, è non solo aumentata la percentuale detraibile (dal 36% al 50%) ma anche l’importo massimo: insomma, una bella notizia per chi ha bisogno di ristrutturare casa durante quest’anno e vuole approfittare di questi vantaggi.
Vediamo insieme chi può in conclusione può usufruirne e i documenti necessari.

Chi può beneficiare del Bonus Ristrutturazione 2019 e quali documenti servono

Come nei precedenti provvedimenti finanziari, i beneficiari rimangono invariati:

  1. proprietari di immobili;
  2. conduttori, cioè affittuari;
  3. usufruttuari;
  4. comodatari;
  5. nudi proprietari;
  6. soci di cooperative.

Se appartieni a una di queste categorie potrai approfittare quindi dei vantaggi del bonus finanziario, ristrutturando la tua casa per renderla ancora più vicina a te e al tuo stile di vita. Ci sono ovviamente dei documenti irrinunciabili da ottenere e conservare. Abbiamo già accennato ai documenti relativi al bonifico con il quale è stato effettuato il pagamento delle spese. Oltra a quelli, ti serviranno la domanda di accatastamento dell’immobile, ricevute di pagamento IMU, dichiarazione di consenso all’esecuzione dei lavori (per i lavori condominiali anche la delibera dell’assemblea), concessioni e autorizzazioni allo svolgimento dei lavori.

In breve, i documenti di cui avrai bisogno appartengono a due grandi categorie:

  • i documenti che attestano l’esistenza dell’immobile;
  • i documenti di permesso necessari per lo svolgimento dei lavori.

Ora che abbiamo chiarito qualche dubbio su questo provvedimento finanziario, abbiamo dei piccoli consigli per ristrutturare casa in totale tranquillità: conservare bene ogni documento e ricevuta riguardante i lavori, tenere d’occhio le scadenze, e scegliere una ditta di ristrutturazioni che segua ogni fase, dalla progettazione all’opera di ristrutturazione fino alla fase arredamento e manutenzione.

In Zena Costruzioni facciamo questo e molto di più: contattaci per avere informazioni.

|2019-03-19T15:20:16+00:00Marzo 9th, 2019|Detrazioni e normative, News|

Chiama ora