Conto Termico 2019: come funziona e chi può accedervi

Ristrutturare casa nel 2019 può essere l’occasione per dare una svolta ai propri consumi energetici e sostituire i vecchi impianti termici… senza aver paura del prezzo! Infatti con il conto termico 2019, un pacchetto di agevolazioni per incentivare l’uso di energia da fonti rinnovabili, si può sia risparmiare sia convertire i propri impianti in ottica green.

Siete interessati? Entriamo nel dettaglio e scopriamo che cos’è il conto termico 2019, quali sono le novità rispetto agli anni scorsi, come funziona, e come beneficiare degli incentivi.

Conto termico 2019 che cos’è e come funziona

Come appena accennato, il conto termico 2019 è un pacchetto di incentivi e agevolazioni istituiti con l’intento di incoraggiare la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e migliorare in generale l’efficienza energetica.
Ma attenzione, non si tratta di una detrazione fiscale, ma di un vero e proprio rimborso erogato in un’unica soluzione, e il responsabile della gestione del conto termico è il Gestore dei Servizi Energetici (GSE).

In pratica è un vero e proprio fondo che eroga contributi economici equivalenti al 65% della spesa sostenuta per migliorare l’efficienza energetica e per incentivare la sostituzione dei vecchi impianti termici con i nuovi modelli che producono energia termica da fonti rinnovabili; e questo vale sia per soggetti privati che per la Pubblica Amministrazione.

Solo per il 2019 da parte dello Stato Italiano sono disponibili 900 milioni di euro ripartiti in questo modo:

  • 200 milioni per le Pubbliche Amministrazioni;
  • 700 milioni riservati per soggetti privati.

Ma come funziona nei dettagli il Conto termico 2019? Per quanto riguarda i privati, l’erogazione dell’incentivo, che copre fino al 65% della spesa sostenuta, avviene in un’unica soluzione fino ad un massimo di 5.000 euro entro 2 mesi dalla stipula della convenzione. Per le Pubbliche Amministrazioni invece viene o erogato subito tutto il contributo corrispondente al 65% della spesa sostenuta, o avviene in due soluzioni: un acconto a inizio lavori e il saldo alla fine.

Conto Termico 2019: chi può accedervi e per quali lavori

La base del conto termico è la sostituzione – parziale o integrale – degli impianti termici ormai obsoleti, vecchi o fuori norma. Per questo è una perfetta opportunità per chi vuole ristrutturare casa e approfittare di un momento di rinnovamento totale e magari di una svolta in senso ecologico. Il conto termico è quindi aperto a tutti i privati cittadini (o imprese) che vogliono sostituire l’impianto di riscaldamento obsoleto in edifici o fabbricati già esistenti.

Ecco gli impianti obsoleti o già fuori norma che si possono sostituire integralmente o parzialmente:

  • impianto alimentato a biomassa;
  • impianto a carbone;
  • impianto alimentato a olio combustibile;
  • impianto a gasolio.

Ed ecco i nuovi impianti, in sostituzione di quelli vecchi, che possono essere coperti al 65% dal fondo del conto termico 2019:

  • caldaie a biomassa di potenza nominale fino a 1000 kW;
  • stufe a pellet;
  • termocamini a pellet;
  • stufe a legna.

Come accedere al conto termico 2019

Entriamo ora nel vivo dell’argomento e scopriamo insieme come poter beneficiare del conto termico 2019. Come già accennato bisogna rivolgersi al Gestore dei Servizi Energetici (GSE) quindi per prima cosa è necessario accedere al sito web -(https://gse.it/)- e seguire la procedura online.
Prima di iniziare però assicuratevi di avere tutti i documenti necessari da inserire sul portale:

  • fattura di acquisto del nuovo impianto;
  • dichiarazione di conformità e fattura dell’opera di installazione del nuovo apparecchio;
  • scontrino di acquisto di pellet oppure scontrino di acquisto di legna da ardere;
  • certificazioni o dichiarazioni di lavori avvenuti che dimostrino la sostituzione del vecchio impianto.

Attenzione anche alle tempistiche: tutti questi documenti vanno caricati sul portale di GSE entro 60 giorni dalla data di fine installazione del nuovo sistema di riscaldamento.
Come per il Bonus Ristrutturazione è importante tenere da parte ogni documento, scontrino, e ricevuta che riguardi i lavori, in modo da poter usufruire in pieno del conto termico 2019.

La sostituzione del vecchio impianto termico è solo una piccola parte dei lavori di ristrutturazione che vuoi fare in casa? Chiedici un preventivo: Zena Costruzioni ti segue dalla progettazione fino alla rifinitura finale.

2019-09-30T14:03:16+00:00Detrazioni e normative|

Chiama ora